The Work of Byron Katie / Il Lavoro di Byron Katie

 


Linea di Aiuto Fai Il Lavoro
Chiama e fai Il Lavoro con i nostri facilitatori esperti


Interroga i tuoi pensieri e cambia il mondo

Interroga i tuoi pensieri e cambia il mondo


Mille nomi per la gioia

Mille nomi per la gioia


Amare ciò che È

Amare ciò che è


Ho bisogno del tuo amore – è vero?

Ho bisogno del tuo amore – è vero?


Tigro-Tigrotto,
        è tutto vero?

Tigro-Tigrotto, è tutto vero?


Eventi

7–16 marzo 2017
La Scuola per Il Lavoro

Ojai, California

Dal 21 al 30 luglio 2017
La Scuola per Il Lavoro

Bad Nauheim, Germania

Vai alla pag. Eventi per i dettagli.

Scarica


 


SU QUESTA PAGINA:

La Scuola per Il Lavoro
Domande Frequenti (FAQ)

7–16 marzo 2017
La Scuola per Il Lavoro
Ojai, California

Dal 21 al 30 luglio 2017
La Scuola per Il Lavoro
Bad Nauheim, Germania

La Scuola per Il Lavoro è disponibile in inglese. Se non comprendete o non leggete l'inglese e siete interessati ad avere a disposizione dei servizi di traduzione, vi suggeriamo di organizzarveli voi – a vostro supporto c'è un forum indipendente di traduzione e traduttori.

Iscriviti alla Scuola per Il Lavoro

Se parli inglese puoi iscriverti telefonando allo 01.805.444.5799 (tel) o scrivendo a register@thework.com
Se parli solo italiano iscriviti scrivendo a italiano@thework.com

Non vi è nulla nella mia vita che abbia influito in modo più profondo e positivo. Gli insegnamenti proposti sono stati l’opportunità migliore che abbia mai avuto per sviluppare sincerità e maturità affettive, ma non solo: i tempi di lavoro, i contenuti, le sequenze di tutti gli esercizi, erano pianificati in modo così efficace e rassicurante che ho trovato l’incredibile coraggio di trasferire anche nella pratica gli insegnamenti di cui avevo appreso la teoria.
— Michael L.

Nel corso della mia vita ho partecipato a molti seminari e ritiri, ma non avevo mai assistito a nulla di così ben concepito, di così diverso e profondo, come si è dimostrata l’avventura di questo corso. È sorprendente, quasi incredibile. Ora mi sembra di avere più chiarezza, di essere più limpida, e più saggia, nel mio modo di vivere. Mi risulta ormai quasi impossibile ripiegarmi nel vittimismo, e sono sempre più competente nel facilitare il Lavoro. In un primo momento avevo pensato che il corso fosse caro, ma ora ritengo che il suo valore sia inestimabile. Questa forma di amore non ha prezzo.
— M.O., Los Angeles, USA

La mia esperienza del Lavoro: fenomenale! Ho letto i libri, usato il sito internet, usato la hotline, ho pagato per quattro sessioni. Nessun tipo di terapia che avevo fatto su di me o sugli altri può essere paragonata al Lavoro nell’aver alleviato il mio dolore e gestito i miei traumi. Sono stato uno psicoterapeuta per 26 anni. Logorato, ho lasciato la mia pratica nel settembre 2007. Poi ho trovato Il Lavoro che mi ha cambiato la vita e continua a guarirmi. Al ritorno dal mio periodo di congedo volontario, voglio diplomarmi come facilitatore del Lavoro.
— K.P., Arizona

Mi sembrava che ci volessero troppi soldi e troppo tempo. Avrei potuto piuttosto andare in vacanza. Però qualcosa dentro di me insisteva perché andassi, e alla fine non ho potuto fare altro che ridere: era stata una VERA vacanza. Una vacanza dalla mente che si è liberata. Così, invece di tornare a casa con i souvenir e l’abbronzatura, ci sono tornato leggero, leggerissimo, e dura tutt’ora. Anzi, è sempre meglio. Ho imparato come vivere una vita felice. Incredibile!
— A.B., California

Ciò che mi piace di più della Scuola è la mia vita dopo la Scuola. L’assenza del disagio che sempre mi accompagnava è così dolce. Mi sento bene con me stessa; stare con me stessa mi piace davvero. Non so se il merito è della Scuola, e forse è tutta una coincidenza, ma ora, dopo solo sei mesi, ho trovato un compagno meraviglioso, mi sono trasferita in una bella città e in una casa stupenda, e il mio lavoro va sempre meglio.
— S.M., Arizona

 

Sulla Scuola per Il Lavoro

La Scuola per Il Lavoro è la massima avventura interiore. A differenza di ogni altra scuola al mondo, qui lo scopo non è imparare, ma disimparare. Passerai nove giorni a perdere le innumerevoli storie, fondate sulla paura, alle quali ti sei innocentemente aggrappato per tutta la vita. Storie come: «Non sono abbastanza bravo», «Ho bisogno di un partner», «Non andrà mai meglio», «Devo avere tutto sotto controllo». Chi saresti senza queste storie così stressanti?

Alla Scuola scoprirai che le tue storie sono quelle di tutti e viceversa. Ti ritroverai in una famiglia gioiosa, eterogenea, solidale, nella quale potrai permetterti di essere te stesso senza il timore di essere giudicato, forse per la prima volta nella tua vita. Faciliterai Il Lavoro (The Work) ai tuoi compagni, e poi vi scambierete i ruoli e saranno loro a fare lo stesso per te.

La Scuola per Il Lavoro comincia alle 18.30 di venerdì (l'iscrizione ha luogo dalle 15.30 alle 17.30). La Scuola si conclude a mezzogiorno dell'ultimo giorno.

La Scuola è un’esperienza di immersione: immersione nella libertà. Immagina un luogo dove poter ridere di una gioia così profonda che non avresti mai immaginato di avere, o liberare nel pianto il dolore accumulato e trattenuto così a lungo sentendoti, in entrambi i casi, pienamente amato ed accettato. Immagina che la persona seduta vicino a te, con la quale non hai mai scambiato una parola, ti chieda di facilitarle Il Lavoro e che, un quarto d’ora dopo, siete diventati amici che si fidano ciecamente l’uno dell’altro.

Il programma d’insegnamento della Scuola è un processo vivente in evoluzione, che muta secondo i bisogni dei partecipanti e sulla base delle esperienze degli studenti che ti hanno preceduto. Katie è la tua insegnante e la tua allieva allo stesso tempo, e condivide con te domande e risposte con una disponibilità rara nei maestri della sua fama. Gli esercizi e le attività sono concepiti per aiutarti a ripercorrere la trasformazione vissuta da Katie dopo il suo risveglio alla realtà. Lavorai su argomenti come: differenze di genere sessuale, immagine del corpo, dipendenze, denaro e relazioni. E ogni volta scoprirai di non essere solo e che non c’è nulla da temere.

Ogni giorno, durante la Scuola, potresti sentirti più libero e felice del giorno precedente. Ti sbarazzerai di tante vecchie abitudini come di abiti consunti. Potresti sentirti entusiasta di svegliarti al mattino per non perderti neanche un momento di questa sfida in continua evoluzione. Potresti trovare impossibile il non sorridere agli altri. Una passeggiata mattutina, una tazza di tè, anche solo quattro passi in un atrio d’albergo, ti ricorderanno in seguito il tempo passato qui.

Quando lascerai la Scuola è assai probabile che la considererai come i nove giorni più importanti che tu abbia mai passato. Il primo giorno sei arrivato trascinandoti dietro il fardello pesante di una vita. Quando vai via la mattina del decimo giorno, porti un bagaglio molto più leggero. Ma la cosa più importante è che hai imparato come fare a non appesantirlo. Avrai il nuovo impegno di fare Il Lavoro come pratica giornaliera. Saprai come fare Il Lavoro con gli altri e da solo e, al ritorno nella vita di tutti i giorni, potrai mantenere il contatto con la nostra comunità diffusa in tutto il mondo. Questa è in realtà la Scuola di Te Stesso, alla quale sentirai sempre di appartenere.

C'è solo una Scuola per Il Lavoro autorizzata ed è presentata da Byron Katie attraverso la Byron Katie International.


Fotografie: C. Pratte

Un messaggio di Katie

«Durante la prima serata alla Scuola spesso chiedo ai partecipanti cosa vorrebbero portare a casa dalla Scuola. Rispondono con frasi come: 'Vorrei la pace mentale', 'Vorrei essere più amorevole', ' 'Vorrei essere felice, con o senza un partner'. Alla fine della Scuola sento dire ripetutamente che hanno trovato ciò che cercavano. Infatti, molti ritornano così cambiati che i loro familiari sono completamente grati e, a volte, meravigliati dei cambiamenti. La Scuola funziona per tutti i partecipanti che vengono con una mente aperta. I risultati sono molto più radicali, più generosi di quanto si possa immaginare.»

Torna su

Domande frequenti (FAQ)

Per quanto tempo devo aver praticato Il Lavoro prima di poter partecipare alla Scuola?
Non è necessaria alcuna esperienza precedente con Il Lavoro. Questa è la Scuola di te stesso, e non ci sono classi o livelli. Sei tu, Katie, il suo staff, il brillante programma di studio e le quattro domande, facilitate dai tuoi compagni, da Katie e dal suo staff.

Chiunque può iscriversi alla Scuola per Il Lavoro?
Sì, e i ragazzi sotto i 18 anni devono essere accompagnati da un genitore. Chiunque sia in grado di rispondere ai quattro quesiti può beneficiare della Scuola. Nessuno è troppo giovane o troppo vecchio per essere ferito nei sentimenti, essere confuso o frustrato o depresso e ognuno merita di sapere come affrontare la propria sofferenza. Katie raccomanda a ogni partecipante di leggere Amare ciò che è prima di venire alla Scuola.

Chi sarà l'insegnante o gli insegnanti?
In due parole: Byron Katie. Sarà lei a sedere con voi per tutti i nove giorni,a facilitarvi nel Lavoro, a rispondere alle vostre domande, a condividere la sua consapevolezza con voi, i suoi pensieri, le sue intuizioni, le sue risate e le sue lacrime di gratitudine. Un gruppo di assistenti veramente competenti e disponibili collabora con Katie per rendere la tua Scuola la più potente esperienza possible. In un altro senso, tu sarai il tuo insegnante, dando a te stesso la comprensione che solo tu puoi fornire. Katie e il suo staff sono lì per sostenerti in ogni passo del tuo cammino. Ogni compagno con il quale praticherai Il Lavoro diventerà un tuo insegnante e viceversa.

Come si svolge una giornata tipo alla Scuola?
La giornata comincia alle 7:00. Il gruppo si riunisce per la colazione e per una meditazione mattutina, che è seguita da un'opportunità di condividere le tue comprensioni. Il programma per il resto della giornata è sessione mattutina, pranzo, sessione pomeridiana, cena e sessione serale (per coloro che vogliono di più).

Per dettagli sul programma di studio leggi queste Domande Frequenti.

Perché le giornate alla Scuola sono così lunghe, dalle 7.00 alle 21.00?
Il programma di studio di Katie è molto ricco e accurato ed è un suo desiderio accorato che ognuno riceva ciò per cui è venuto: la propria libertà. Quindi aspettati delle lunghe ore e tutti gli esercizi e le sessioni sono opzionali; questo viene reso chiaro ogni giorno. A parte rare eccezioni, i partecipanti trovano che non possono averne abbastanza del programma di studio, è così favoloso (secondo loro). Le lunghe ore sono la risposta di Katie alle loro richieste e mai qualcosa che Katie impone.

Perché la Scuola dura nove giorni?
La prima Scuola di Katie durava ventotto giorni e per la gente era difficile lasciare il proprio lavoro e la propria vita per un periodo così lungo. Dopo, su richiesta, ridusse la Scuola a quattordici giorni. Ancora dopo, poiché molta gente che voleva frequentare la Scuola disse che poteva permettersi di allontanarsi dalla famiglia solo per una settimana, Katie ridusse da quattordici a nove giorni, includendo il fine settimana prima e quello dopo in modo da poter dare alla gente il più possible in un periodo così breve.

Qual è il programma di studio della Scuola?
La maggior parte del programma di studio alla Scuola consiste di esercizi che ti aiutano ad andare sempre più in profondità nell'auto-indagine.. Dedicherai molto tempo a rispondere per iscritto alle domande dei fogli di Lavoro “Giudica il prossimo” e “Una credenza alla volta”. Durante il processo, acquisirai una sempre maggiore esperienza a identificare i pensieri stressanti che sono la causa della tua sofferenza e nel facilitare Il Lavoro agli altri. La facilitazione non è una forma di psicoterapia, è semplicemente Il Lavoro praticato a coppie, ma può avere un effetto sorprendente sulla tua esperienza con Il Lavoro.

Che tipo di vita sociale offre la Scuola?
Ti troverai a lavorare con circa duecento tra le persone più affascinanti, aperte e cordiali che tu abbia mai incontrato. E saranno tutte seriamente impegnate nel praticare Il Lavoro per conto proprio e nel facilitarlo a te.

Da dove vengono gli allievi?
Da tutto il mondo. Recentemente, in un corso tenuto a Los Angeles, c’erano persone provenienti da Canada, Messico, Argentina, Brasile, Germania, Olanda, Francia, Irlanda, Scozia, Inghilterra, Galles, Svizzera, Svezia, Danimarca, Norvegia, Spagna, Portogallo, Italia, Russia, Kazakistan, Israele, Libano, Arabia Saudita, India, Pakistan, Indonesia, per non parlare di West Virginia, Utah, Texas, Nebraska, Hawaii, e ...

Che tipo di alimentazione è prevista durante il corso?
Il meglio! Ogni giorno consumerai tre pasti in una vasta sala da pranzo, con possibilità di scelta tra un gran numero di pietanze. La maggior parte delle proposte è vegetariana, e spesso vegana. Ogni volta che è possibile utilizziamo ingredienti biologici, e soddisfiamo le richieste dietetiche individuali se ne veniamo a conoscenza prima e se sono accompagnate da certificato medico. La prima colazione, per esempio, è costituita di uova o altro alimento sostanzioso. Serviamo anche uno o più tipi di cereali caldi, numerose varietà di frutta secca e di stagione, e una scelta di latte diversi di origine animale e vegetale. A pranzo e a cena sono serviti almeno due piatti principali, una grande scelta di insalate, e numerosi contorni di verdure, legumi e cereali.

Le ore lunghe, i tanti giorni, l'isolamento; non è da culto? Il Lavoro è un culto?
No, se per culto si intende un gruppo di persone che sono indottrinate ad accettare certe credenze. Veramente Il Lavoro è l'opposto di un culto, poiché tutto lo scopo del Lavoro è quello di interrogare credenze. Dà alle persone un modo di pensare per se stesse, un modo di riprendersi le proprie menti. Non ha niente a che fare con il sostituire vecchie credenze con nuove credenze o con l'insegnare che una credenza è vera o non vera. Nel Lavoro si tratta di liberarci dal lavaggio del cervello dei pensieri negativi che impediscono la salute, la felicità e la produttività ottimali che ognuno di noi merita. Ecco cosa dice Katie all'inizio di Amare ciò che è:

Quello che mi piace del Lavoro è che ti consente di andare dentro di te e di trovare la tua vera felicità, di sperimentare quello che esiste già dentro di te, immutabile, inamovibile, sempre presente, sempre in attesa. Non occorre nessun maestro. Tu sei il maestro che aspettavi. Tu sei il solo che può mettere fine alla tua sofferenza.

Ripeto spesso :"Non credete a quello che dico". Voglio che tu scopra che cosa è vero per te, non per me.

Percé si consiglia ai partecipanti di non utilizzare la posta elettronica?
Questo è il modo in cui Katie sostiene i partecipanti a stare focalizzati su ciò per cui sono venuti: la loro libertà, piuttosto che la posta elettronica, per nove giorni. Non è una richiesta: è un suggerimento. Per Katie è importante che ai partecipanti sia offerta l'opportunità di stare focalizzati sul loro processo di indagine e non essere distratti dal lavoro o da faccende familiari non emergenziali per nove giorni. (Tutti i messaggi di emergenza da parte della famiglia o del lavoro saranno trasmessi immediatamente ai partecipanti attraverso i telefoni nelle loro camere d'albergo).

Si richiede ai partecipanti di condividere una camera?
No. Alcuni scelgono una camera singola. Viene suggerito che i partecipanti abbiano compagni di stanza e che condividano la camera d'albergo con qualcuno che non conoscono, percé abbiamo visto che un compagno di stanza sconosciuto spesso stimola pensieri stressanti e questo dà alla gente l'opportunità di fare Il Lavoro su pensieri che sono stati causa di sofferenza per la loro intera vita. Gli esercizi sui compagni di stanza hanno trasformato le relazioni con sposi, genitori, figli, soci di lavoro e amici. La nostra esperienza é che alla fine dei nove giorni della Scuola chiunque abbia avuto un compagno di stanza è molto felice di averlo avuto. E spesso coloro che hanno scelto di non avere un compagno di stanza sentono che se gli fosse offerta un'altra opportunità direbbero di sì.

Non isolate i membri dalla società come fanno i culti?
No. I partecipanti alla Scuola non sono isolati. Piuttosto sono invitati ad approfittare di questi giorni preziosi con Katie e il suo staff per stare focalizzati sul programma di studio della Scuola per nove giorni. Dopo questa esperienza di nove giorni, ritornano alla loro vita quotidiana con uno strumento per affrontare ogni problema che possa sorgere. La stragrande maggioranza di loro, questo è ciò che essi stessi dicono, ritornano alla propria vita come esseri umani più felici, più gentili, più liberi. A casa sono liberi di fare Il Lavoro o no, come desiderano.

Cosa succede dopo aver conseguito il diploma della Scuola?
Per i diplomati abbiamo progettato un programma incredibile così che Il Lavoro diventi una parte permanente della tua vita. È gratuito ed è disponibile a chiunque si iscrivi. Questo programma fornisce facilitazioni telefoniche con un partner che cambia ogni mese (round robin), teleconferenze e la nostra Linea di aiuto gratuita. Molti diplomati formano dei gruppi indipendenti per praticare Il Lavoro con persone del loro ambiente o in sessioni telefoniche. Anche le chat riservate ai diplomati sono molto popolari. La Scuola è l'espressione di un continuo e ampio benvenuto. Per i diplomati che desiderano includere Il Lavoro nella loro occupazione, offriamo l'Istituto per Il lavoro. Per maggiori informazioni clicca qui.

Come la Scuola cambierà la mia vita? Cosa cambierà nella mia vita dopo aver frequentato la Scuola?
Dipende da te! L'unica cosa che si può dire con grande sicurezza è che, se la tua mente è aperta all'indagine, la scuola cambierà la tua vita in modo sempre positivo. La maggior parte dei nostri diplomati scopre che il proprio benessere mentale, e addirittura fisico, si accresce notevolmente, e che gestisce in modo assai più efficace lo stress quotidiano. Diventano più abili e attenti nell'ascoltare e nel comunicare, diventano amici migliori, partecipano in modo più positivo alla vita della loro famiglia. Spesso sviluppano una grande creatività nell'affrontare i cambiamenti e le rivoluzioni della vita, e sono i primi a essere sorpresi dalle loro stesse intuizioni. Potresti scoprire di reagire ora con la massima calma a situazioni che, in precedenza, ti avrebbero scosso profondamente, e pensi: «Prima avrei perso del tutto la testa… e guarda ora come me la cavo bene!». I tuoi familiari potrebbero dire: «Come sei cambiata!». E quanto più praticherai Il Lavoro con costanza, tanto più ti verrà naturale sperimentare questo tipo di piacevole sorpresa.

Torna su

   

Su cosa funziona
Il Lavoro


padre


Certified Facilitators

Vedi tutti i facilitatori diplomati da tutto il mondo >>

-------

"Il Lavoro di Byron Katie è una vera benedizione per il nostro pianeta. La radice di ogni sofferenza sta nell'identificazione con i propri pensieri, le "storie" che scorrono di continuo nella mente. Il Lavoro funziona come una spada affilata a rasoio, che taglia attraverso le illusioni e ti permette di conoscere in modo diretto l'essenza eterna del tuo essere. Esso emana gioia, pace e amore che sono il tuo stato naturale."
Eckhart Tolle
autore di “Il potere di adesso”

-------

“Un’innovatrice spirituale per il nuovo millennio.”
Time magazine

-------

“L’amore rigoroso di Katie, preciso come un laser brucia via tutte le illusioni.”
Il Times di Londra

-------

“Byron Katie è una delle insegnanti veramente grandi e ispiratrici del nostro tempo. Mi ha aiutato moltissimo personalmente. Amo questa donna così saggia.”
Dr. Wayne W. Dyer
autore di La voce dell’ispirazione

-------

In una lettera da Helsinki, Finlandia, J.V. scrive:

“… due esperti all’avanguardia della sindrome del dolore dell’Università di Stanford, considerano l’approccio di Byron Katie la migliore forma di Terapia Cognitiva. Nella 5° edizione revisionata di “A Headache in the Pelvis” (pp. 326–330) (Un mal di testa nel bacino), pubblicato a maggio 2008, lo psicologo David Wise, Ph.D., di Stanford, e l'urologo Rodney Anderson, M.D., fanno riferimento alla Terapia Razionale-Emotiva di Albert Ellis e alla Terapia Cognitiva di Aaron Beck e poi scrivono (in italico): “La migliore forma di Terapia Cognitiva, nella nostra opinione, si presenta nel Lavoro di Byron Katie, che fornisce un’impostazione che disarma il pensiero catastrofico attraverso un processo che la persona può fare da sola. Questo è un approccio che noi raccomandiamo.” Poi descrivono la procedura aggiungendo: “La nostra descrizione di questo processo è piuttosto insufficiente per diventarne esperti. Noi insegnamo e usiamo questo metodo con i nostri pazienti, nei nostri trattamenti psicofisici mensili che durano 6 giorni. Specifiche informazioni riguardo a questa terapia cognitiva possono essere trovate su thework.com e nei libri di Byron Katie”.

-------

Gli insegnamenti di Byron Katie e la sua vita di ogni giorno sono pura saggezza. Il suo Lavoro ci mostra la strada alla pace interiore, e lei ci conduce proprio lì, senza paura, inesorabilmente e con la massima generosità. Raramente ho visto qualcuno, maestri spirituali compresi, incarnare la saggezza in modo così potente come Katie nel suo appassionato abbraccio di ogni singolo momento.
Roshi Bernie Glassman

-------

Il Lavoro di Katie è una pratica meravigliosa e trasformativa per chiunque sia interessato alla crescita spirituale.
Lama Surya Das, autore di Dzogchen: la grande perfezione naturale

-------

"Santo cielo! Ma da dove arriva Byron Katie? È il non plus ultra! Il suo Lavoro è incredibilmente efficace: un antidoto semplice e diretto a tutta la sofferenza che ci creiamo inutilmente. Ci invita a non credere a niente, mettendoci però a disposizione un modo semplice, sorprendentemente efficace, per tagliarci un varco attraverso il groviglio di illusioni in cui ci avvolgiamo.”
David Chadwick,
autore di Cetriolo storto: la vita e l'insegnamento zen di Shunryu Suzuki Roshi

-------

“Immagina di poter trovare un modo semplice per accogliere tutta la tua vita con gioia, per porre fine al conflitto con la realtà, e per raggiungere la serenità in mezzo al caos. Questo è quanto offre Amare ciò che È. Niente di meno che un modo rivoluzionario di vivere la tua vita. La domanda è: siamo abbastanza coraggiosi da accettarlo?”
Erica Jong

autrice di Paura di volare

-------

     

thework.com         Dichiarazione legale e informativa sulla privacy
© 2017 Byron Katie International, Inc. All rights reserved.